Dal Novecento ad oggi

Slide background

Dal Novecento ad oggi

Presente con il suo Brunello alla II Mostra Mercato dei Vini Tipici d’Italia del 1935 come Fattoria di Argiano, l’azienda ottiene due preziosi attestati di riconoscimento: un’attribuzione vinicola ed un’altra attribuzione di medaglia d’oro al Salone Alimentare di Bruxelles del 1932 per la produzione di vini pregiati da tavola e da dessert.
Nel 1967 Argiano fa la storia del Brunello di Montalcino, partecipando con altre aziende vinicole storiche del territorio all’atto di fondazione del Consorzio del Brunello.
Nel 1992 i beni di Argiano  passano alla contessa Noemi  Marone Cinzano che introduce importanti innovazioni nella gestione dell’azienda vinicola: si apre la collaborazione con l’enologo di fama mondiale Giacomo Tachis, sodalizio che porterà alla nascita del supertuscan Solengo; vengono ampliate le coltivazioni di vigneti Sangiovese; vengono ristrutturati e ammodernati  i locali della cantina.
Si arriva così ai giorni nostri, con il passaggio di proprietà avvenuto ad inizio 2013 a favore di un gruppo di imprenditori brasiliani.